Search Esegui ricerca
Image

open menu open search

Cerca Esegui ricerca
Pesca
Caccia alle balene: video shock

Caccia alle balene: video shock

Caccia alle balene: video shock
Filmato il disperato tentativo di fuga di una balena ferita, tallonata e finita da un vascello baleniere dopo oltre 20 minuti di inseguimento in mare. Le associazioni ambientaliste nerovegesi chiedono la condanna internazionale della Norvegia, tradizionalmente al riparo delle critiche che si concentrano sui giapponesi (03/07/10)

La World Society for the Protection of Animals (WSPA) ha fatto circolare un video che testimonia la crudeltà della caccia alle balene in Norvegia: una Balenottera minore (Balaenoptera acutorostrata) ferita da un primo arpione e inseguita per oltre 20 minuti prima di essere finita con un secondo colpo.

La International Whaling Commission (IWC) ha tenuto la propria conferenza annuale in Morocco (14-26 giugno 2010) al cui ordine del giorno c'era la richiesta della Norvegia di aumentare di 6.000 capi il numero di balene da uccidere nei prossimi dieci anni. Di fatto la fine del bando della caccia commerciale. Una proposta fortunatamente caduta nel vuoto.

La WSPA, Norwegian Society for the Protection of Animals e la NOAH - for Dyrs Rettigheter hanno realizzato un filmato (disponibile qui a destra) come parte di una più ampia indagine che rivela le modalità di caccia di una piccola baleniera norvegese – la  ‘Rowenta' – ai danni di una Balenottera minore. Colpita da un primo arpione esplosivo la balena ferita si dà a una fuga disperata tallonata dall'imbarcazione. Oltre venti muniti di agonia prima che il vascello la finisca con un secondo arpione esplosivo sparato da distanza ravvicinata.

In un altro caso, non registrato su video, la WSPA ha riportato che l'inseguimento prima del « colpo di grazia » è durato oltre due ore. È stupefacente che un paese tradizionalmente attento alla tutela dell'ambiente possa farsi promotore di una simile barbarie assieme a Islanda e Giappone. Dal 1993 la Norvegia ha ucciso oltre 8.500 balene.

Ma questo non significa affatto che i norvegesi siano tutti pro-balenieri. Carl-Egil Mastad, Direttore dell'associazione ambientalista Dyrebeskyttelsen Norge, osserva: "Sono migliaia i norvegesi che assieme a noi si oppongono a questa industria inutile e crudele – abbiamo bisogno di una chiara condanna internazionale della Norvegia e delle sue attività baleniere».

Siri Martinsen, veterinario del NOAH rafforza il concetto: "Il Governo norvegese dice di non ricevere particolari pressioni a livello internazionale sulla caccia alle balene. La maggiore attenzione con centrata sul Giappone, anche a causa del numero di abbattimenti superiore, lascia il paese scandinavo relativamente nell'ombraIl Governo non ha nessun motivo per modificare la propria politica se anche a livello internazionale non viene dichiarata una palese condanna ed esercitate pressioni affinché questa pratica insensata abbia fine ».

Il video (in inglese): http://www.youtube.com/watch?v=X1Rr6KcxT-M&feature=player_embedded